Come insegnare ai piccoli imprenditori a dare e ricevere feedback efficaci

Se vi siete mai trovati nel ruolo di chi dà o riceve un feedback efficace, potete testimoniare quanto sia diverso da un feedback negativo. Le esperienze negative sono spesso il motivo per cui molte persone temono il pensiero di trovarsi a una delle due estremità del ciclo di feedback. Ma le esperienze positive dimostrano che il feedback dato in modo intenzionale e costruttivo aumenta la produttività, la fiducia e la capacità di lavorare in gruppo.

Imparare a comunicare e a ricevere un feedback efficace è uno strumento prezioso che i bambini possono padroneggiare oggi. Non solo li aiuterà ad avere successo a scuola e in altre attività, ma li doterà anche di competenze per future carriere e mezzi di sussistenza.

Quando i bambini imparano a dare feedback e ad accettarli, si sentono più sicuri del loro ambiente, percepiscono il loro potenziale e sono più fiduciosi nel superare le battute d’arresto.
Queste abilità di vita sono fondamentali per qualsiasi imprenditore che voglia avere successo, che voglia avere una carriera di successo e che capisca il valore di una buona reputazione.

Gli indicatori di un feedback efficace

Il feedback è essenzialmente la pratica di fornire a qualcuno informazioni sul suo comportamento, sulle sue azioni o sulle sue prestazioni. L’obiettivo dovrebbe essere sempre quello di fornire idee e suggerimenti pratici e pertinenti per il miglioramento o di riconoscere e convalidare il comportamento, le azioni o le prestazioni della persona.

Il primo tipo di feedback è solitamente chiamato feedback costruttivo, mentre il secondo è semplicemente un feedback positivo. Entrambe le forme di feedback sono necessarie per l’autosviluppo e per incoraggiare un progresso continuo.

Tutte queste abilità possono essere insegnate ai bambini attraverso l’imitazione e la pratica. I concetti possono essere semplici e adattati all’età di qualsiasi bambino.

Il feedback costruttivo deve sempre includere:

– Una formulazione chiara e precisa per evitare fraintendimenti (senza essere scortesi).
– Idee di miglioramento o di facilitazione del cambiamento.
– Conferma di ciò che il destinatario ha dimostrato, raggiunto o fatto bene.
– Obiettivi realistici.
– Impegno al sostegno e alla responsabilità.

Situazioni che richiedono un feedback

La vita non è mai priva di opportunità di miglioramento! Il feedback può essere dato e ricevuto non solo in ambito lavorativo, ma anche:

– Dopo un evento sportivo/una partita.
– Dopo una performance (discorso pubblico, teatro, canto, presentazione).
– Per discutere di un alterco verbale/lotta/disaccordo.
– Per esprimere il proprio pensiero su una proposta di vendita o un’idea commerciale.
– Quando si prende in considerazione un progetto, un obiettivo di lavoro, un incarico.
– Far sapere alla persona in questione come le sue parole o azioni vi hanno fatto sentire o hanno influenzato gli altri.

Come dare feedback efficaci

Pur tenendo presente lo scopo del feedback, ci sono anche alcune cose da tenere a mente:

– Farlo in modo tempestivo. Nessuno vuole sentir parlare del proprio comportamento o delle proprie prestazioni mesi dopo che si è verificata la situazione iniziale. Affrontare il problema il prima possibile sarà un bene per tutti e aiuterà a evitare risentimenti e incomprensioni.

– Iniziate dichiarando che volete fornire un feedback utile e poi date al destinatario qualche minuto per respirare, rilassarsi e prepararsi.

– Siate molto specifici nei vostri commenti e osservazioni. Fornire un feedback ambiguo genera sfiducia e ulteriore confusione. Attenetevi a ciò che conoscete o avete osservato di persona, piuttosto che a ciò che avete “sentito per sentito dire”.

– Cercate di assicurarvi che il feedback sia dato in privato e di persona, se possibile. In questo modo il destinatario si sente sicuro.

Come ottenere un feedback

È altrettanto importante imparare a dare feedback in modo efficace. A nessuno piace dare un feedback a qualcuno che sa di non poterlo gestire in modo professionale o che potrebbe reagire in modo eccessivo. Imparando ad accettare il feedback in modo onesto e aperto, creerete fiducia negli altri e vi si apriranno infinite opportunità di crescita e di successo. Ecco le regole di base:

– Prima di ricevere il feedback (se possibile), fate alcuni respiri profondi e rilassatevi. Ricordate a voi stessi che il feedback non consiste nell’analizzare il carattere o i meriti di una persona, ma piuttosto nell’identificare comportamenti o azioni specifiche che possono essere migliorate. Ricordate che se qualcuno è disposto a darvi un feedback costruttivo, di solito significa che è disposto a continuare a investire su di voi, a lavorare con voi, a interagire con voi.

– Rimandate il giudizio e le azioni difensive fino a quando non avrete compreso appieno le implicazioni del feedback.

– Praticare l’ascolto attivo. Questo significa fare domande se avete bisogno di chiarimenti. Rispondete o ripetete quello che sentite per assicurarvi di aver capito entrambi. Prendete appunti o chiedete di prendere appunti se ritenete che sia utile. Partecipate e dimostrate che state ascoltando attivamente usando un linguaggio del corpo e gesti aperti e positivi.

– Ringraziate la persona che ha fornito il feedback per la sua disponibilità a essere onesta e rispettosa. Anche chi dà un feedback ha bisogno di essere convalidato!

Quando i bambini imparano a dare e ricevere feedback efficaci, imparano anche ad ampliare i loro orizzonti e a rafforzare il pensiero positivo. Diventeranno adulti, capaci di una comunicazione più sana nelle relazioni (sia professionali che personali) e rispettati per la loro capacità di migliorarsi continuamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.